Blog_23feb
Come aiutare l’agricoltura grazie alla tecnologia

Pubblicato il:

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Nei prossimi anni l’agricoltura nel nostro Paese potrebbe avere contatti in modo sempre più imponente con la tecnologia. Nonostante si tratti di uno dei più importanti nodi di riferimento per la produzione italiana, il progetto futuro è quello di migliorarlo servendosi della rivoluzione digitale, cercando di trarre da questo rapporto tutti i benefici possibili.

 

Agricoltura e tecnologia: una fruttuosa collaborazione tra settori agli antipodi

La nuova direzione punta all’usare la tecnologica per rinnovare l’agricoltura e i metodi di produzione così da garantire un sistema più efficiente, in grado di produrre di più e meglio. Questo è fatto non solo in un’ottica di competizione di mercato con altre realtà produttive, ma anche nei riguardi dei consumatori sempre più attenti alla provenienza del cibo acquistato.

Nonostante il Covid, dal 2020 si sono guadagnati circa 540 milioni e una crescita del 20% grazie al settore agricolo. Questo perché a livello tecnologico si utilizzano già prevalentemente strumenti nelle attività di campo, per completare attività di monitoraggio e controllo. Molte attrezzature utilizzano anche sistemi di Data Analytics, per tenere traccia di ogni fase del prodotto dalla coltivazione alla raccolta, in particolare per merci come verdura e frutta, vino e cereali.

 

Fattori di ostacolo alla rivoluzione digitale

Uno degli aspetti però che influisce negativamente sulla questione è il fatto di non aver ancora adeguati sistemi informatici e connessioni stabili nelle campagne. Un limite che investe tutto il Paese e anche settori diversi da quello agricolo, impedendo quindi una completa rivoluzione all’interno del sistema di produzione.

Inoltre il Paese potrebbe non essere pronto ad investimenti di questo tipo, perdendo così una grande occasione per competere sul mercato internazionale e perdere la sua posizione di prestigio.

 

Nuovi strumenti al servizio dell’agricoltura

Oltre a far arrivare infrastrutture e connessione a internet ovunque, è indispensabile far riferimento anche alle nuove tecnologie che stanno iniziando a diffondersi in altri settori e che potrebbero essere utilizzate anche nell’agricoltura.

Innanzitutto la blockchain, un sistema fondamentale per poter lavorare su grandi quantitativi di dati e poterli analizzare e raccogliere nel rispetto della sicurezza del dato.

La tecnologia geospaziale può invece aiutare nel monitorare vaste aree, permettendo di avere allo stesso tempo una visione d’insieme e di dettaglio (alcuni esempi sono la fotografia aerea, il telerilevamento e il GPS).

A queste si aggiungono anche la robotica e l’intelligenza artificiale, ormai ampiamente utilizzate in altri settori.

A supporto di queste nuove tecnologie sarà inoltre necessario un adeguamento e aggiornamento delle competenze dei lavoratori, i quali dovranno acquisire conoscenze dei nuovi strumenti per prendere parte all’innovazione.

 


Fonti:

[1] “L’agricoltura è più sostenibile grazie al digitale”, NicolaPorro, 20/01/2022

Condividi l'articolo:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Vuoi restare aggiornato sull’ambito AML/CFT?

Articoli che potrebbero interessarti​

Follow us:

Company

© 2021 AIO S.r.l. – All Rights Reserved